Suprema inattualità

Tullio-Garbari-Paesaggio-Animato-1915-16-ca-olio-su-tela-cm-40x40Lo scorso mese di agosto a Rovereto (TN) presso Casa Depero è stata ricordata con una mostra la figura poco nota di Tullio Garbari, pittore nato a Pergine in Valsugana nel 1892 e morto giovane nel 1931.

Madonna della paceCi attrae una pittura che con quelle figure massicce – un’umanità colonnare, è stato detto – simbolicamente ricerca qualcosa di originario e primordiale, qualcosa che si avvicina al religioso esprimendo, – come gli ex voto che egli amava – attraverso le immagini, una sorta di ringraziamento.

garbari165Nato in montagna, in una zona che a quel tempo stava sotto la dominazione asburgica, si è sempre definito retico, ovverosia discendente di quei Reti che erano popolazioni etrusche in terra padana e questo è per dire di una personalità composita, fatta di timidezza e coraggio, bontà e ostilità, di un uomo burbero e poetico che cercava di comprendere il suo tempo. ritrattoScriveva:

Così il poeta reso ostile a tutti/ si rincammina per le proprie terre/ ove egli trovi, ove ritrovi il seme/ rigermogliare/ e dove venga alfine rispuntare/ le buone piante sotto stele inclini.

garbariCercava la buona pianta, il bello riunito al bene.

Cattolico, fu influenzato dal pensiero del filosofo Jaques Maritain dal quale aveva ricavato un concetto che gli calzava alla perfezione, quello di maladresse, goffaggine; perché, come diceva il filosofo, lo “spirituale” può ben essere maldestro.

depostoCi ricorda Rousseau il Doganiere, non tanto nella rappresentazione della natura e degli animali, piuttosto nella figura umana, nei ritratti; ma Garbari era più mistico, legato alla luce della sua terra d’origine, a una pittura che gli serviva da tramite per acchiappare il sogno e la speranza di un’umanità rigenerata.

Suprema inattualità la sua, in molte opere soprattutto a tema religioso,  inattualità che la luce – sempre tersa, cristallina –  e   il candore inaspettato della materia  rendono però praticabile e attraente per autenticità, come la sua goffaggine.san Tommaso

I commenti sono chiusi.